Carne alla griglia: dalla grigliata sul piatto al cibo esperienziale

La scoperta di un territorio come Brescia e dintorni passa anche dalla gastronomia bresciana in quanto la degustazione di carne alla griglia e piatti tipici aiutano ad avere un’esperienza diretta con la tradizione.

Le aspettative spingono gli amanti della carne grigliata a Brescia come altrove a ricercare locali, osterie e ristoranti che lavorano come steakhouse di alto livello.

Mangiare carne alla griglia a Brescia

Il desiderio di mangiare carne a Brescia può far optare per un ristorante con menu tradizionale e proposta di carni scelte oppure per una steakhouse vera e propria.

La possibilità di avere un’alternativa alla grigliata di carne a Brescia come lo stracotto di asino o la tagliata di struzzo si misura con un locale che tratta unicamente carne di qualità grigliata a puntino.

In entrambi i casi, però, gli amanti della carne grigliata devono guardare alla qualità in termini di provenienza della carne e preparazione.

1. Tagli

La conoscenza dei diversi tagli di carne porta in tavola la grigliata perfetta: manzo (filetto, controfiletto, costata e hamburger), maiale (costine, salsiccia, lonza, capocollo e pancetta), pollo (coscia, petto e ali) e agnello (costolette, arrosticini e cosciotto).

2. Cottura

Non esiste grigliata di carne gustosa e succulenta senza una cottura sapiente in grado di conservare il profumo e la consistenza della carne di qualità.

3. Idea

Dalla carne grigliata sul piatto al cibo esperienziale. Una buona grigliata di carne deve essere l’inizio di un viaggio culinario che lascia un’emozione e un ricordo positivo.

4. Servizio

L’ingrediente extra di un pranzo o una cena è il servizio giacché un team di sala preparato, attento ai dettagli e dotato di appeal può fare davvero la differenza.

Passeggiate sul Lago d’Iseo: trekking sul Monte Guglielmo

Le passeggiate sul Lago d’Iseo possono “allungare il passo” e considerare anche i dintorni del bacino d’acqua e delle sue attrattive.

Il Monte Guglielmo è un luogo di straordinaria bellezza che domina la pianura bresciana e può essere esplorato sia facendo trekking che montando a cavallo.

Questo monte permette di godere di un panorama mozzafiato su tutto il Lago d’Iseo, il Monte Isola e il gruppo dell’Adamello.

Panorama del Monte Guglielmo

Il monte chiamato Gölem in lingua lombarda separa il Lago d’Iseo dalla Val Trompia e si eleva nelle Prealpi Bresciane.

Se il versante meridionale si presenta spoglio non si può dire lo stesso del versante occidentale caratterizzato per lo più da foreste di abeti.

La vetta del Monte Guglielmo è posta a 1.950 metri sul livello del mare e può essere raggiunta attraverso diversi sentieri.

Nelle giornate limpide è possibile vedere dalla vetta l’intero arco delle Prealpi Lombarde, compresi il gruppo dell’Adamello e le Dolomiti di Brenta, oltre che avere una visione d’insieme della pianura lombarda e la chiusura a sud con gli Appennini.

I sentieri

Esistono diversi sentieri da poter scegliere per fare trekking e partire alla volta della cima del Monte Guglielmo:

  • Zone/Cislano – La strada collega Cislano al Passo della Croce di Marone e si unisce a una stradina sterrata che passa per le malghe Malpensata e il Monte Guglielmo fino alla vetta.
  • Zone – Il sentiero va dalla Val Vandul alla Malga Casentiga fino alla vetta.
  • Pisogne/Croce di Marone – Il sentiero parte da Passabocche e passa per Medelet e Punta Caravina fino alla cima.
  • Pezzoro/Val Trompia – Il tratto più breve dal versante triumplino è quello che parte da Pezzoro e sale agli Stalletti Alti fino alla vetta di Castel Bertino.
  • Inzino/Val Trompia – Il tragitto di fondovalle inizia da Val Lana, arriva a Colonno e prosegue con la stradina per Malga Costarica e Corna Tiragna.
  • Caregno/Val Trompia – Il percorso panoramico passa per Monte Bifo, Stalletti Bassi e Stalletti Alti.

Post escursione

Le escursioni su Lago d’Iseo e dintorni possono concludersi con l’arrivo in un agriturismo vicino Monte Guglielmo, il luogo in cui rifocillare il corpo e la mente e continuare a esplorare con i piatti tipici dellagastronomia bresciana.

4 cose che non devono mancare in un maneggio a Brescia

Il maneggio a Brescia e altre città è un luogo in cui si fa scuola di equitazione e si organizzano uscite a piedi o a cavallo con diversi livelli di difficoltà su svariati percorsi.

Il Lago d’Iseo è uno di quei luoghi mozzafiato che può trasformare un maneggio su Brescia e provincia in un posto in cui imparare a connettersi con la natura e divertirsi in armonia.

A Brescia l’arrivo al maneggio permette l’approccio diretto con animali dalla spiccata sensibilità o l’esplorazione i monti e i sentieri naturali passeggiando a cavallo o facendo trekking lungo la Franciacorta, sulle sponde del Lago d’Iseo o sul Monte Guglielmo.

Cosa cercare in un maneggio?

Trascorrere una giornata in un maneggio in Franciacorta, per esempio, può essere l’occasione perfetta per provare a montare in sella per la prima volta o esplorare il territorio.

Tutto dipende dalla scelta del maneggio: può porre le basi per una passione travolgente oppure essere il motivo per dire addio alle gite esplorative.

  1. Lezioni per i neofiti – Chi non è mai andato a cavallo deve avere la possibilità di provare a montare in sella in maniera graduale e controllata. Il maneggio giusto deve organizzare lezioni nel campo di sabbia di monta Inglese o Western per trasferire quelle nozioni base necessarie per governare il cavallo in ogni situazione.
  2. Giochi a tema per i bambini – I piccoli da casa non devono essere esclusi dall’esperienza a contatto con la natura e per questo devono essere coinvolti in lezioni a carattere ludico che aiutano a prendere confidenza con i pony. I bambini più grandi, invece, devono poter apprendere le basi dell’equitazione e della gestione del cavallo in modo da prepararsi alla cavalcata per gradi.
  3. Escursioni organizzate – Gli amanti del mondo equestre più esperti possono esplorare il territorio in solitaria o partecipare alle escursioni organizzate con guida, sia per privati che per gruppi.
  4. Cucina tradizionale – Il maneggio e la cucina tradizionale devono fondersi per offrire ai visitatori un’esperienza unica e a tutto tondo del territorio. Un maneggio con ristorante permette di vivere un soggiorno piacevole, emozionante e istruttivo e lasciare spazio a una pausa pranzo o cena con piatti tipici della tradizione culinaria della zona.